17 aprile 2018

Chirurgia Vascolare

ARTI INFERIORI

Un semplice Ecocolordoppler può salvare le tue gambe!!!

L’Ecocolordoppler Venoso degli Arti Inferiori permette di valutare la funzionalità delle vene delle gambe. Si evidenziano elementi quali incontinenzareflusso (flusso di sangue in senso inverso al normale) e presenza di trombi (ostruzioni) venosi superficiali o profondi. Le vene degli arti inferiori sono deputate al drenaggio dei liquidi dalle estremità degli arti stessi verso il cuore. La patologia che con maggior frequenza può interessarle è l’insufficienza venosa o l’incontinenza (l’incapacità delle vene a drenare il sangue verso l’alto) che si manifesta con gambe gonfie, edematose e vene varicose. Ad essa si aggiunge la tromboflebite (infiammazione della vena e sua ostruzione) che trova un fattore di rischio importante proprio nell’insufficienza venosa.

Aneurisma dell’Aorta Addominale

L’aneurisma dell’aorta addominale tipicamente non dà sintomi, ecco perché raramente un portatore di questa malattia si accorge di averlo.

L’aorta è un grosso vaso dalle pareti robuste ed elastiche, che porta il sangue dal cuore al resto del corpo. Nelle persone di età superiore ai 55 anni, la parete può indebolirsi, producendo una dilatazione, cui si da’ il nome di aneurisma.

Il rischio maggiore dell’aneurisma è dato dal pericolo di una rottura improvvisa alla quale segue un massiccio sanguinamento interno, spesso letale.

L’aneurisma dell’aorta addominale tipicamente non dà sintomi, ecco perché raramente un portatore di questa malattia si accorge di averlo.

L’ecocolordoppler dell’aorta addominale  permette lo studio morfologico e funzionale dell’aorta addominale. Con questo esame è possibile, pertanto, valutare sia il diametro e lo spessore di parete dell’aorta addominale (studio morfologico), sia la velocità e la direzione del flusso ematico all’interno di essa (studio funzionale).

TRONCHI SOVRAORTICI -TSA

L’ecocolordoppler TSA permette il monitoraggio della circolazione arteriosa diretta verso il cervello attraverso le carotidi e le arterie vertebrali. Si tratta di un’ecografia arricchita da valori visivi (Color) e acustici (Doppler) per valutare i vasi e il flusso del sangue al loro interno. Serve a studiare ed escludere la presenza di placche (o ateromi) nei vasi che portano il sangue ossigenato al cervello, condizione che potrebbe favorire l’insorgenza di un ictus.

 

ARTERIE RENALI

L’ecocolordoppler arterie renali permette lo studio sia della morfologia (anatomia) che dei flussi

( emodinamica ) delle arterie renali. E’ perciò possibile studiare alcuni parametri quali il diametro, lo spessore della parete oltre alle caratteristiche morfologiche ed alle velocità. Le emergenze visualizzate consentono di studiare eventuali stenosi delle arterie renali (causa di ipertensione arteriosa secondaria) ed inoltre consentono di valutare anche la flussimetria renale. È possibile persino vedere la parete più interna delle arterie, la cosiddetta intima, e valutare se questa sia o meno frammentata. La stenosi di un’ arteria renale, la quale è responsabile dell’ipertensione nefrovascolare solitamente è di origine degenerativa aterosclerotica anche se può riconoscere altre cause.

 

PRENOTA SUBITO

IL TUO ECOCOLORDOPPLER Per info tel. 02 26413702

  • Ecocolordoppler TSA
  • Ecocolordoppler Arterioso arti inferiori/superiori
  • Ecocolordoppler venoso arti inferiori/superiori
  • Ecocolordoppler aorta addominale
  • Ecocolordoppler arterie renali
  • Ecocolordoppler scrotale
  • Scleroterapia
  • Scleromousse

 

PR. FRANCESCO SETACCI

Medico Chirurgo, Specialista in Chirurgia Vascolare ed Endovascolare

  • Patologie dell’aorta toracica, dell’aorta addominale e dei suoi rami viscerali
  • Patologie delle arterie degli arti inferiori (arteriopatie periferiche, aneurismi), trattamento chirurgico ed endovascolare, terapie mediche
  • Patologie steno-ostruttive dei vasi epiaortici (stenosi carotidea, trattamento chirurgico)
  • Patologie di natura flebologica: varici degli arti inferiori, ulcere venose, inestetismi cutanei, trattamento chirurgico, ablazione con radiofrequenza, scleroterapia, scleromousse.
  • Tra le principali patologie trattate: Aneurisma, Arteriopatia, Stenosi carotidea.